lunedì 17 dicembre 2007

‘A’NZALATA ‘E RINFORZO

Questa è la ricetta per eccellenza delle tradizioni natalizie della mia famiglia, è una ricetta che ho sempre amato veder preparare alla mia mamma, quella ciotola ricolma di fiori bianchi a cui volta per volta si univano tutti i colori dell’arcobaleno mi affascinava ed ancora oggi la mescolanza di colori e di sapori che donano a questa ricetta un gusto particolare e deciso me la fanno apprezzare anche al di fuori delle festività natalizie…. nella tradizione napoletana questa pietanza è servita come antipasto perché si racconta che aumenti l’appetito permettendo così di poter mangiare tutte le altre portate tipiche del pranzo di natale, per altri è invece detta di rinforzo perché l’insalata, preparata la vigilia di natale, viene ogni giorno “rinforzata” con gli ingredienti mancanti fino a capodanno (l’aceto lo consente!)

 
INGREDIENTI
Non darò tutte le dosi perché la quantità degli ingredienti dipende dal gradimento dei commensali
1 cavolfiore grande
1 papaccella verde (peperoni tondi sott’aceto)
1 papaccella rossa
2 papaccelle piccoline piccanti
Alici sotto sale
Olive verdi
Olive nere
Cipolline sott’aceto
Giardiniera o carotine e peperoni a la julienne sott’aceto
Olio extravergine d’oliva
Aceto bianco
Sale

PROCEDIMENTO
Lavate e dividete in cimette il cavolfiore, lessatelo al dente, fate raffreddare e mettete in una terrina a cui aggiungerete le papaccelle tagliate a listarelle, le olive nere e bianche, le alici, le cipolline, la giardiniera, condite il tutto con abbondante olio e aceto a seconda dei gusti, salate e lasciate riposare per qualche ora prima di servire, l’ideale sarebbe prepararla il giorno prima in modo che i sapori si fondano tra loro

6 commenti:

  1. Come mi piaaace l'insalata di rinforzo... e come mi piaaace "rubacchiare" qualche pezzetto di sott'aceto o qualche oliva mentre mia madre la prapara... come mi piaaacee! :D

    Comunque devo dire che quest'insalata è veramente da provare, ne vale la pena!
    Brava Ele, ottima idea ;-)

    RispondiElimina
  2. ...e come disse il mio Puffo preferito, il Puffo Brontolone: "IO OOOOODIO L'INSALATA DI RINFORZO!"

    RispondiElimina
  3. E come rispose Puffetta la mia puffa preferita " non capisci nulla nulla!!", per fortuna che è una puffa sciccosa....

    RispondiElimina
  4. ahahah
    No, in realtà il cavolo mi piace, anche l'ceto, e anche le olive e la giardiniera... ma le papaccelle, le acciughe...
    brrrrrr.... ho la pelle d'oca, guarda... guarda... guarda!

    Hai visto?
    :D

    RispondiElimina
  5. salve a tutti e buon appetito io personalmente faccio bollire il cavolo con una miscela di acqua e aceto al 40-50 per cento di aceto ,cottura molto al dente che deve scroccare in bocca,e vedrete che il cavolo ha un altro aspetto e sapore ,molto simile ai sott'aceti e nella nzalata e rinforz non si scosta dagli altri sapori ! SERGIO NAPOLI .

    RispondiElimina

Grazie per la visita... :-)

Potresti trovare interessante...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...