giovedì 26 febbraio 2009

TORTINO DI MIGLIO

Oggi vi presento il cereale che mi da più soddisfazioni in assoluto, e che ahimè è considerato da molti semplicemente cibo da canarini.Il miglio si presta a preparazioni dolci e salate ed ha un sapore che gradisco particolarmente, facilmente digeribile è ricco di minerali ed è considerato meno ingrassante del grano… cosa non da poco!

E’ un cereale nutriente, digestivo, diuretico ed antianemico.
Per l’alto contenuto di acido salicilico viene considerato un vero e proprio prodotto di bellezza; ha infatti un’azione stimolante sulla pelle, sulle unghie, sui capelli e sullo smalto dei denti.
Ecco perché i canarini sono sempre in perfetta forma e con un piumaggio invidiabile!
Contiene vitamine dei gruppi A e B, ed il considerevole contenuto in lecitina e colina lo rendono particolarmente adatto alle persone sedentarie e agli organismi debilitati… praticamente un ricostituente.
E’ l’unico cereale con effetto alcalinizzante, quindi cosa importantissima per me, è indicato per chi soffre di acidità di stomaco o per chi ha necessità di tenere i succhi gastrici a riposo.
Facile e rapido da cucinare, il miglio ha un caratteristico sapore dolce e gradevole che lo rende particolarmente appetitoso… si accompagna divinamente alle verdure; essendo dotato di un particolare potere agglutinante, risulta adatto nella preparazione di dolci, biscotti o sformati a base di cereali e verdure.
(alcune note sono prese dal mio vangelo dei cereali “conoscere e cucinare i cereali” Demetra)

La ricetta che vi propongo mi è stata suggerita da un amica che si intende di macrobiotica e non smetterò mai di ringraziarla per l’aiuto che mi da nell’affrontare questa mia nuova dieta
Ovviamente non ci sono dosi perché non è presa da un libro, l’unica cosa che dovete tenere presente è la proporzione tra miglio e acqua, l’acqua deve essere circa il doppio del volume del miglio.


INGREDIENTI
Miglio (una tazza e mezza da latte)
Acqua (tre tazze da latte)
Olio extravergine di oliva (abbondante perché il miglio assorbe molto i liquidi e questo serve a tenerlo umido)
Uova (due rispetto alla quantità di miglio)
Parmigiano o Pecorino ma se ne può fare tranquillamente a meno senza inficiare la riuscita della ricetta.
sale
Verdure a piacere (ho utilizzato zucchine, i suoi fiori e funghi)

PREPARAZIONE
Lavare il miglio in acqua fredda fino a che l’acqua non risulti più torbida.
Pulire e lavare le verdure e cuocerle separatamente in pentola a pressione, basteranno per i funghi cinque minuti dal fischio e per le zucchine a cui dovrete però aggiungere un po’ di acqua una decina di minuti.
Voi potrete utilizzare anche una padella, non potendo usare olio in cottura io opto per la pentola a pressione!
Quando le verdure saranno pronte, dosare il miglio e la quantità di acqua e cuocere in pentola a pressione per 12 minuti dal fischio.
Quando anche la cottura del miglio sarà ultimata lasciarlo intiepidire e mescolarlo alle uova, l’olio e il parmigiano, amalgamare bene il tutto e dividere il composto in due parti.
Se il miglio dovesse seccare troppo aggiungere un po’ di acqua e lavorarlo con le mani prima di aggiungere gli altri ingredienti.
A questo punto passiamo all’assemblaggio del tortino: collocare una parte di miglio sul fondo di una teglia sul quale porrete le verdure unite tra loro, e chiudere con il miglio restante; cospargerete di pan grattato ed un filino d’olio.
Porre in forno a 180° fino a doratura.
Vi assicuro una vera delizia!!


Stamane mi è giunto, in tempo velocissimo, il pacco della Compagnia dei Cavatappi… mai ricevuto un pacco confezionato con così tanta attenzione, questo unito al sapore dei prodotti mi ha resa ancora più felice di aver scelto di pubblicizzare questa società, seria, attenta e che offre ottimi prodotti.
Essendo sempre indecisa non ho potuto provare i prodotti che interessavano a me come olio e pasta ma non sono assolutamente delusa da ciò che sono stata “vincolata” a scegliere:
carote a pezzi (davvero buone, ho già in mente un paio di ricette in cui le sperimenterò)
kiwi caramellati
liquore alla liquirizia
nero d’avola
merlot
nocciole ricoperte di cioccolato fondente (ottime)
ovviamente non ho ancora provato tutto ma vi terrò informati sul gradimento dei prodotti!
Ringrazio il signor Giovanni Putignano per la cortesia e l’efficienza

41 commenti:

  1. Ciao, io non l'ho mai mangiato il miglio non so nemmeno dove si compra e che consistenza ha...ho però letto che fa molto bene, quindi mi informerò meglio!!!

    RispondiElimina
  2. Faccio parte di quelli che il miglio non l'ha ancora provato...ma sono sempre in tempo per nuovi sapori :-)

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  3. Pamy io lo acquisto in un negozio di prodotti biologici ma credo si trovi anche mel banco legumi e cereali dei centri commerciali, provalo non te ne pentirai!

    RispondiElimina
  4. Aiuolik io certi sapori li ho scoperti solo da un paio di mesi... quindi si è sempre in tempo!

    RispondiElimina
  5. divremmo mangiare pià miglio allora!! io non l'ho mai nemmeno assaggiato :(

    proverò la tua ricettina!!

    RispondiElimina
  6. Mi hai messo una curiosità al palato!!! io adoro i cereali in cucina e li mangio anche spesso, ma il miglio mi mancava.. corro a cercarlo questo fine settimana nel negozio bio.. spero tanto di trovarlo...baci baci

    RispondiElimina
  7. mi vergogno di dirlo , non so cosè il miglio e di cosa dovrebbe dare !

    RispondiElimina
  8. hai ragione!!!una volta stavo per comprarlo ma il mio amore si è opposto dicendo che nn era un canarino!!:))
    ma adesso lo prenderò e proverò la tua ricetta!!!
    baci

    RispondiElimina
  9. non ho mai assaggiato il miglio, devo provarlo! visto che sono a dieta questa ricetta mi fa comodo! un bacione.

    RispondiElimina
  10. sai che non ho mai né cucinato né assaggiato il miglio? questa tua ricetta mi intriga molto, sembra gustosissima!

    RispondiElimina
  11. Maryyy non vergognarti, sono in tanti a non conoscere il miglio se non come cibo per canarini, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Provatelo non vi pentirete è gustoso e fa tanto tanto bene!

    RispondiElimina
  13. Non ho mai provato il miglio, ma dopo la tua descrizione della ricetta sono incuriosita e lo volgio provare... e poi brava hai messo una ricetta che prevede l'uso della pentola a pressione, ce l'ho ma per me è una sconosciuta!!!
    A presto!

    RispondiElimina
  14. Furfecchia per me ormai la pentola a pressione è una grande alleata!!

    RispondiElimina
  15. Mi accodo anch'io.
    Non l'ho mai assaggiato e provavo un certo non so che quando sentivo che nelle mense degli asili lo proponevano una volta a settimana ai bimbi. :-)
    Devo rispolverare il mio librone di macrobiotica, ho capito Eleonora... :-)

    RispondiElimina
  16. Allora devo assolutamente provarlo ;o)
    Bacioni

    RispondiElimina
  17. Ciao! non sapevamo che avesse tutte queste proprietà il miglio! è un cereale che siamo sempre state curiose id provare, ma ci mancavano le idee su come prepararlo! questa può essere un buon inizio!
    bacioni

    RispondiElimina
  18. A volte mangio il miglio nello yogurt, ma non l'ho mai utilizzato per preparazioni diverse. Questo tuo tortino è meraviglioso, mette una gran voglia di affondarci la forchetta o, perché no, il cucchiaio!

    RispondiElimina
  19. complimenti mi hai dato una bella idea per utilizzare al meglio il miglio

    RispondiElimina
  20. questo tortino di miglio lo provo di sicuro....sai che ho provato a risottare il miglio...mmmmmm buono!

    RispondiElimina
  21. Si, lo ammetto, sono tra quelli che pensava che fosse SOLO cibo per canarini!! :-)))))

    Un abbraccio!! ;-)

    RispondiElimina
  22. Mai provato il miglio e questa ricettina mi stuzzica moltissimo!! ^_^

    RispondiElimina
  23. Il miglio da solo non l'abbiamo mai cucinato, l'abbiamo sempre legato ad altri cereali, per i quali abbiamo una grande passione, lo stesso vale per i legumi. Si prestano ad essere legati ad altri ingredienti, quindi al di là delle zuppe, c'è tutto un mondo di possibilità che ci offrono. Il tuo tortino ha un bell'aspetto, la curiosità di provare a farlo è tanta, anche perchè così usciamo dal solito mangiare. Nell'ultima settimana abbiamo mangiato cose molto semplici e abbiamo sperimentato poco, il tempo ci ha condannato a questo ed altro, ma forse i ritmi si stanno facendo un po' meno forsennati e con loro, la voglia di provare a fare piatti intriganti!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  24. che bello mi piace moltissimo questo tortino. Bisogna usare di piu' questi cereali antichi...

    RispondiElimina
  25. In centro a Savona c'è un negozio che ha un assortimento incredibile di cereali, miglio compreso.
    Fino ad ora l'ho sempre acquistato e gustato in barrette croccanti, non avevo previsto altri utilizzi anche se in verità la proprietaria ne suggerisce molteplici .
    Mi hai stuzzicata......va che mi scateno!
    Un abbraccione


    Fabiana

    RispondiElimina
  26. mai provato... ma mi ispira proprioo con queste verdurine poi..
    bacio vale

    RispondiElimina
  27. Ele manco da qualche giorno ho dei problemini in famiglia.
    Ho visto il tuo messaggio, dimmi come devo fare per scaricare il pdf della raccolta buffet.
    Lo sai so grandicella, non so quello che devo fare per favore mi aiuti Ciao

    RispondiElimina
  28. ma è divino questo tortino!!! sei sempre bravissima!!! un baciotto buon w.e.

    RispondiElimina
  29. Io lo cucino abbastanza spesso (essendo celiaca cerco di scoprire sempre nuovi sapori alternativi) e mi piace molto, ma tortini non è ho mai fatti; proverò sicuramente la tua ricetta che mi sembra molto invitante.

    RispondiElimina
  30. Questa ricetta mi garba da matti!!! La proverò sicuramente! Buona giornata Laura

    RispondiElimina
  31. Non ho mai assaggiato il miglio, ma le tue spiegazioni e la tua ricetta mi hanno incuriosita: è importante mangiare bene, senza rinunciare al gusto.
    Ciao

    RispondiElimina
  32. Buongiorno Ele!
    Ecco un cereale che non compare nella mia alimentazione, ma che devo utilizzare al più presto perchè potrebbe aiutarmi per la mia anemia... Grazie mille per queste preziosissime informazioni!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  33. Camomillina questo è uno dei motivi per cui mi è stato suggerito... provalo è ottimo e sano!!

    RispondiElimina
  34. Non so come sia il gusto del miglio ma questo piatto mi intriga molto...ps i prodotti della compagnia del cavatappi li ho gia provati sono davvero ottimi e ricercatissimi...ciaooo Lady cocca

    RispondiElimina
  35. Io faccio parte di quella fascia di popolazione che credeva che il miglio fosse solo cibo per canarini... Quasta ricetta è davvero sfiziosa e nello stesso tempo semplice. Se ne hai altre di ricette che utilizzano cereali poco conosciuti mi farebbe davvero piacere leggerle e magari provarle.
    Brava
    Francesca

    RispondiElimina
  36. io adoro il miglio...mi inviti?? ne riprepari una teglia solo per me? per me e per te..un bacino. Lety

    RispondiElimina
  37. Ho mangiato il miglio in un ristorante macrobiotico tanti anni fa... e ricordo che mi era piaciuto, poi non ho mai pensato di comprarlo.. mi hai dato proprio un'ottima idea, grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  38. il miglio non l'ho mai mangiato ma dalle foto sembra davvero una ricettina eccezionale...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  39. tesoro c'è un piccolo premio per te da me...un abbraccio

    RispondiElimina
  40. molto saporito,bellissima idea cara mia ;)

    RispondiElimina
  41. Maria, Roma/Berlino13 aprile 2010 09:18

    Buongiorno, mi sono imbattuta per caso in questo sito, alla ricerca di ricette con il miglio, recentemente portato in casa da mio marito.
    A parte il fatto che sulla confezione (miglio bio) l'etichetta specifica che il prodotto arriva dalla .... Cina (non conosco paese più inquinato al mondo!), ho cucinato quello che fino a ieri avevo sempre conosciuto come cibo per le galline e l'ho servito con piselli freschi cotti. Il risultato è stato sorprendentemente gradevole e, quindi mi riprometto di ripetere l'esperienza, provando il tortino proposto che, credo, sarà un po' un'alternativa al gateau di patate.
    Rimanendo in tema, per chiudere, un aneddoto colto in prima persona ad un mercatino di Berlino, dove due venditori si intrattenevano in conversazione all'ora di pranzo. Uno dei due mangiava del pane contenente (e ricoperto di) vari semini e l'altro gli disse: "Se il Signore Iddio ti avesse fatto nascere per mangiare i semi, ti avrebbe dotato di becco!"
    Un saluto a tutti

    RispondiElimina

Potresti trovare interessante...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...