martedì 11 novembre 2014

PASTICCINI al LIMONE glassati ma anche no

Che fatica credere nei rapporti, che sciocchezza credere che gli altri nutrano un qualche interesse nei tuoi confronti; Mi rendo conto che posso sembra cinica e triste ma, credetemi, sono una persona positiva, propositiva e sempre attenta a chi le gira intorno, quasi fino a diventare strabica, sempre con un occhio dritto per cercare di non inciampare e l'altro che gira a destra e sinistra per assicurarsi che intorno tutti stiano bene e lanciarsi in loro soccorso... fattivamente o con semplici parole di conforto; mi capita anche con dei perfetti estranei, incrociati alla fermata del bus o in una corsia di ospedale. Mi viene naturale, il mio amico Dario, psicologo di mestiere, mi definisce empatica, attenta e altruista ... bhà ... gioia o condanna?
Chissà per quale strana motivazione, quando sono io ad aver bisogno, ad attraversare momenti complicati, tutti spariscono; decisamente meglio l'Eleonora che fa baldoria, piace molto anche a me!!
La figura migliore, in assoluto, è l'amica che sa di sbagliare, te lo dice anche, ma dopo esattamente tre secondi, dalle scuse, esordisce dicendoti ... "Io ho bisogno di te, non puoi immaginare cosa è accaduto" ... ovviamente nel frattempo, durante le scuse, si è dimenticata di domandarti cosa ti abbia fatto stare così male da allontanarti dal mondo. Ed ecco che si ricomincia... 
Come vorrei avere la forza di dire ... "Col cavolo che ora ti ascolto, torna nell'angolo da cui sei rimasta a guardare...". Come dice chi mi conosce bene, tempo perso, chiacchiere al vento, non sei capace!!
Quindi, dopo questo sfogo, non mi resta che addolcirmi ed addolcirvi con questi gustosi pasticcini...   

INGREDIENTI
200 g di farina manitoba o anche metà dose più 100 g di 00
250 g di zucchero
un cucchiaino di lievito solo se utilizzate farina 00
150 g di burro
4 uova 
succo di un limone bio
scorza del suddetto limone
per la glassa
zucchero a velo
succo di limone

PROCEDIMENTO
Lavorare il burro con lo zucchero, io ho utilizzato la planetaria, fino ad ottenere una crema.
Aggiungere, con la frusta in movimento, le uova una alla volta. 
Amalgamate le uova al burro, aggiungere, a cucchiaiate la farina, cui avrete unito il lievito. 
In ultimo aggiungere il succo del limone e la scorza, tagliata con un riga limone o, se preferite non avvertirne la presenza,  potete anche tranquillamente grattugiarla.
Versare l'impasto nei pirottini (per evitare che si sformino conviene posizionarli in una teglia da muffin) e infornarli a 180°, forno ventilato. per circa 15 minuti.
A cottura ultimata, farli raffreddare e mangiarli così o decorarli con la glassa con zeste di limone.
Per evitare che affoghi nella glassa, come è accaduto a me, attendere che la glassa inizi a solidificare e poi aggiungerlo.  
Con queste dosi dovrebbero venire una ventina di pasticcini, ovviamente dipende dalla grandezza dei pirottini che utilizzerete.

15 commenti:

  1. mangio direttamente, senza glassa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ed io ti assicuro che valgono ugualmente :-)

      Elimina
  2. Cara.. è un classico! Sapessi le volte che è capitato a me in passato.. Grazie al cielo ho fatto una bella pulizia.. e nella mia vita le amiche vere.. sulle quali contare sono 2.... Ti abbraccio.. e spero che il tuo momento no passi.. e se vuoi.. io so ascoltare benissimo!!!! :-D Ah.. quasi dimenticavo di commentare i dolcetti.. deliziosi!!!!!!! ciò che ci vuole per rallegrarci un pò.. bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fatico a crederci, purtroppo in tanti sono aridi ed egoisti! Purtroppo quello che mi manca è proprio la capacità di escluderli, ma non si finisce mai di imparare, grazie di cuore per la tua offerta, un abbraccio grande :-)

      Elimina
  3. mi spiace che tu sia cosi' arrabbiata e amareggiata, sai quante volte ci ho battuto pure io il naso, ora ho imparato che le amiche ci sono, ma quelle vere no!!!!!Posso solo contare sulle mie forze e su nessun altro, a volte manco mio marito o i miei genitori. Sono cinica, puo' darsi, ma vivo meglio. Se ti va io ci sono!!!!Intanto mi gusto i tuoi meravigliosi pasticcini!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità la rabbia è qualcosa che non provo più, amareggiata, delusa, questo si!
      Grazie di cuore per la tua disponibilità e un grande abbraccio :-)

      Elimina
  4. Come ti capisco Eleonora, come ti capisco. Per me sono mesi molto molto difficili...anche se non lo do a vedere, sto passando mesi molto turbolenti e ogni volta anche io mi ripetoo quelle stesse cose che ti dici tu. E so che posso contare su pochissime persone, ma quelle sono buone per davvero. E trovo aiuto e conforto in loro ma prima di tutto devo trovarlo in me percè la forza sta tutta lì.
    Ti rubo un pasticcino e mi rassereno gustandolo insieme a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace Elena, hai ragione ed è ormai ciò che faccio, trovare la forza in me stessa!!
      Un abbraccio nella speranza che presto tutto passi :-)

      Elimina
  5. wow... sembrano proprio soffici... ideali in ogni momento della giornata!!!

    RispondiElimina
  6. io non sono nessuno per darti la classica pacca sulla spalla ma hai capito bene che ognuno ha il proprio copione da recitare, il proprio io da mettere in mezzo. Ecco detto questo non guarirai, ma questo già lo sai vero?
    Passami un dolcetto, va!
    *
    Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si lo sapevo eccome, però il tuo intervento mi ha fatta sorridere!!
      Grazie Claudia :-)

      Elimina
    2. e io contenta sono :)
      *
      baciuzzi
      Cla

      Elimina

Grazie per la visita... :-)

Potresti trovare interessante...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...